10 Regole per un Scheda Prodotto perfetta
blog
05 Mag 2020

10 Regole per un Scheda Prodotto perfetta

Chi vende online con un e-commerce non può non conoscere alcune regole basilari per vendere di più ed ottimizzare le proprie entrate. Bisogna porre la massima attenzione su ogni elemento, ma ce ne sono alcuni che più di altri meritano un occhio di riguardo.

Uno di questi è la scheda prodotto o pagina di dettaglio del prodotto o servizio, un aspetto in grado di influire pesantemente sulle vendite, un fattore determinante per ottenere preziose conversioni che si tramuteranno poi in guadagni e nella preferenza dei tuoi prodotti rispetto a quelli dei competitor.

Ti starai chiedendo come fare a riuscire in tutto questo: nessun problema. Eccoti qui, sei nel posto giusto, dove capirai come avere una scheda prodotto e-commerce praticamente perfetta.

 

  • Cos'è la scheda prodotto
  • Come scrivere una buona descrizione: le 10 regole
  • Le 5 cose da non scrivere nella descrizione
  • La giusta struttura: i 15 elementi
  • Perché tradurre tutti i testi
  • Seonweb ed E-commerce

 

Cos'è la scheda prodotto

Abbiamo deciso di partire dalle basi, non sapendo quale sia il tuo grado di conoscenza dell'argomento. Per farla breve, la scheda del prodotto è la pagina in cui è contenuta la descrizione dell'articolo che hai messo in vendita con tutte le informazioni complementari utili per arricchirla. È composta da una parte testuale di natura, appunto, descrittiva, e da elementi multimediali a corredo come foto di buona qualità, video e/o elementi di realta virtuale come contenuti 3d e virtual tour.

 

Come scrivere una buona descrizione: le 10 regole

Quando ti accingi a scrivere la descrizione del prodotto, non lasciare nulla al caso. Se necessario, prenditi qualche minuto in più, ma fai tutto nel migliore dei modi. Tutto ciò che scriverai dovrà essere la soluzione al problema dell'utente che sta navigando nel tuo e-commerce che tu dovrai provare a persuadere con l'uso della parola, solleticando i suoi desideri e le sue emozioni. Senza volersi avventurare nei dettami del neuromarketing, gli argomenti che userai dovranno semplicemente essere:

  1. Razionali e reali (mai inventare!)
  2. Accattivanti e possibilmente emozionanti
  3. Comprensibili a tutti
  4. Con la terminologia corretta del settore
  5. Esaustivi
  6. Non copiati, dunque originali
  7. Divisi in paragrafi, coi grassetti e con elenchi puntati o numerati
  8. Che rispondano già le possibili domande del cliente
  9. Tradotti in altre lingue, almeno in inglese
  10. Seo Friendly, magari servendosi delle preziose informazioni contenute in questo articolo ( come scrivere contenuti SEO Oriented ) in cui ti abbiamo spiegato come scrivere.

In buona sostanza, servendoti di queste semplici regole, dovrai sintetizzare non soltanto le informazioni tecniche ma dovrai fare riferimento anche al vantaggio che chi comprerà l'oggetto avrà dall'acquisto.

Ciò dovrà essere fatto per ogni oggetto che dovrà essere esclusivo e differente dagli altri. Il tuo e-commerce ha tanti prodotti in vendita? Armati di buona pazienza e segui il consiglio che ti abbiamo dato: non te ne pentirai. Chiaramente nel caso in cui i prodotti siano uguali ma dovesse cambiare, ad esempio, il colore o la taglia, potrai usare la medesima descrizione, magari modificando qualcosa.

Importante che tu stabilisca un patto di fiducia col cliente, rivolgendoti direttamente a lui senza formalismi ma in maniera decisa ed autorevole (non autoritaria!). Devi generare empatia, magari raccontando una storia, creando un filo diretto che certamente ti porterà alla vendita.

 

Le 5 cose da non scrivere nella descrizione

Così come ci sono regole ben precise da seguire per stendere una descrizione efficace, ci sono anche alcune cose da non fare assolutamente. Ne abbiamo selezionate cinque, veri e propri cinque comandamenti. Eccoli:

  1. Lo abbiamo già detto: non copiare. I motori di ricerca come Google, infatti, penalizzano fortemente chi prende altrove informazioni e le riporta per intero, o anche in parte, nel proprio sito web. È probabilmente la prassi più sbagliata per chi si accinge a vendere online. Ciò vale anche per le descrizioni copiate dai siti dei produttori.
  2. Non mentire: oltre ad essere eticamente scorretto, senza voler entrare ulteriormente nel merito, ciò romperà il patto di fiducia nato col tuo cliente. Limita dunque l'uso degli aggettivi a quelli che realmente si confanno al prodotto, usandoli in maniera strategica e mirata.
  3. Non commettere errori grammaticali o di sintassi: ciò inevitabilmente ti penalizzerà perché darà la sensazione di scarsa attenzione e di inaffidabilità.
  4. Non dilungarti laddove non ha senso farlo: la lettura da schermo è sempre più stancante per gli occhi, rispetto a quella su carta. Le ridondanze non ti premieranno, dunque evita il muro di testo.
  5. Non sintetizzare troppo, ma fornisci quantomeno le informazioni essenziali.

 

La giusta struttura: i 15 elementi

In realtà una giusta struttura non esiste, ma c'è però la struttura giusta, cioè quella che sicuramente non ti porterà in errore. Essa presuppone che ci siano le informazioni basilari che sono:

  1. Titolo esatto del prodotto
  2. Foto e/o video e/o virtual tour 3d
  3. Lente d'ingrandimento sulla foto o zoom
  4. Prezzo
  5. Bottone per aggiungere al carrello
  6. Menu a tendina per quantità (magari anche per altre specifiche come colore o taglia, ad es.)
  7. Tempi della spedizione
  8. Costo della spedizione
  9. Descrizione breve
  10. Descrizione estesa
  11. Specifiche tecniche
  12. Prodotti correlati o da abbinare
  13. Recensioni dei clienti
  14. Chat con l'operatore
  15. Informazioni sul diritto di recesso

 

Perché tradurre tutti i testi

Immagina di accedere in un e-commerce dove sia attivata la traduzione automatica che, a volte, crea minestroni incomprensibili. Secondo te ciò incentiva all'acquisto? Superfluo, quasi inutile, dare una risposta, piuttosto dedicati con pazienza alle traduzioni di tutti i contenuti, magari affidando il servizio ad un professionista esperto in lingue. Senza ombra di dubbio ciò conferirà ulteriore autorevolezza al tuo e-commerce, aprendoti anche alle vendite al di fuori dei confini nazionali.

 

Seonweb ed E-commerce

Da oltre 20 anni lavoriamo sul perfezionamento e gestione degli e-commerce. Siamo stati dei precursori, dalle nostre parti, e negli anni abbiamo ulteriormente affinato le nostre tecniche. Oggi possiamo affermare di aver dato vita a moltissimi siti con vendita e-commerce che hanno funzionato e continuano a funzionare. Possiamo dunque aiutarti a creare anche il tuo, con professionalità e competenza. Contattaci e fidati di noi.

Blog


Consigli, approfondimenti e curiosità sul mondo del Web Marketing.

Dati strutturati o Rich Snippet, cosa sono?

Ti sarai chiesto senza dubbio, almeno una volta, perché un determinato risultato della tua ricerca su Google (o Yahoo, Bing, ...) compaia in maniera diversa rispetto agli altri ? Ecco la risposta.

Remarketing e retargeting, questi sconosciuti

Spesso i termini vengono confusi ed usati come sinonimo ma in realtà non è proprio così, stiamo parlando di Remarketing e Retargeting, due attività che si incastonano nel campo del digital marketing.

Come fare marketing su Instagram

Una strategia di social marketing funzionante, oggi, non può che prescindere anche da una buona attività su Instagram, che può trasformarsi in un mezzo capace di far svoltare più di Facebook.

Seonweb - mettiti in contatto con noi

Mettiti in contatto con noi

Rivolgersi a dei professionisti è importante in qualsiasi settore, soprattutto sul web. Se vuoi che il tuo sito sia il tuo fiore all'occhiello, contattaci adesso per un preventivo veloce e gratuito

Richiedi un preventivo