Come funzionano le aste su Google Ads
blog
29 Giu 2021

Come funzionano le aste su Google Ads

Merito: è questa la parola chiave di questo articolo. Perché è proprio la meritocrazia, frutto del buon lavoro, dell'attenzione, della strategia e della cura dei dettagli, a far sì che si possano ottenere buoni risultati nelle Aste Google Ads (ex Adwords), ovvero quello strumento che consente di pianificare campagne di  advertising nella rete di siti partner di Google oppure per le campagne nella rete di ricerca. Questa è soltanto la definizione tecnica, adesso vediamo proprio cos'è nel dettaglio, come funziona l'Ad rank e come utilizzarlo nel migliore dei modi per raggiungere i propri obiettivi di vendita e di immagine.

 

Google Ads cos'è?

Come si posizionano le inserzioni nella Serp

Come funziona l'Ad Rank

Come creare un buon annuncio

In definitiva, perché la parola merito?

 

Google Ads cos'è?

Iniziamo con una domanda che si pongono in moltissimi. Per risponderti, te ne poniamo un'altra: ti sei mai chiesto come mai un'inserzione venga visualizzata prima di un'altra, dopo aver fatto una semplice ricerca su Google? Ecco, Ads non fa altro che rilevare tutti gli annunci correlati alle keyword della ricerca da te effettuato. In modo quasi istantaneo decide quali sono quelli meno idonei e li scarta per poi calcolare l'Ad Rank, ovvero il ranking (classifica), dei restanti, posizionandoli e pubblicandoli in base al punteggio più in alto.

L'inserzione viene effettuata tramite aste che si aggiornano in maniera continua e, quindi, il prezzo per ogni clic è variabile e l'offerta più alta non è sempre quella che ha la meglio. Google Ads, dunque, è un potente strumento che aiuta l'inserzionista a raggiungere i propri obiettivi di business e visibilità, consentendogli di promuovere se stesso ed i propri prodotti e/o servizi all'interno di Google e delle sue Search Engine Results

Page  (SERP).

 

 

Come si posizionano le inserzioni nella Serp


Gli annunci di cui abbiamo già parlato vengono ordinati in una sorta classifica sulla base di alcuni parametri dei quali parleremo più avanti. Potrai vederne 4 per ciascuna pagina, 2 nella parte alta immediatamente precedente rispetto al primo risultato di ricerca e 2 nella parte bassa, proprio dopo l'ultimo risultato di ricerca della pagina (che sono 10 in tutto, quindi vedrai 14 campi totali). L'ordine con cui li vedrai è determinato
dall'Ad Rank.

Come funziona l'Ad Rank
Come detto, l'Ad Ranking è il punteggio che determina se l'inserzione viene pubblicata o meno, in quale parte della Serp va a posizionarsi e quanto viene a costare ogni singolo clic. C'è una precisa formula mediante la quale Google posiziona le inserzioni ed è:

Costo per clic proposto x Quality Score

 

Il CPC è la somma che tu decidi di investire per ogni utente che clicca sulla tua inserzione (non quanto spendi realmente, dunque, ma quanto tu sei disposto a pagare).

 

Il QS è invece una sorta di punteggio di qualità, compreso tra 1 e 10, che viene associato alla tua inserzione e che dipende da diversi fattori tra cui:


1. velocità della landing page

 

2. qualità della landing page


3. pertinenza delle parole chiave utilizzate


4. qualità dell'inserzione


5. rilevanza dell'inserzione


6. CTR (click through rate)

 

7. risultati ottenuti in passato.


Un buon quality score va dal 6 al 10 (con risparmi sul'investimento), mentre dal 5 in giù ci sarebbe un aumento.

Come creare un buon annuncio


Per creare una buona inserzione bisognerà fare innanzitutto un'offerta consona per le keyword che interessano. Probabilmente queste parole chiave saranno le stesse scelte da qualche competitor. Dunque, chi comparirà nella pagina dei risultati? Tutto, come detto, dipende dall'Ad Rank per il quale bisognerà individuare parole chiave e annunci pertinenti, senza dimenticare, come già detto, la qualità della pagina di
atterraggio sulla quale è necessario lavorare.

Quanto investire? Puntare tanto denaro non è sempre funzionale, anzi può condurre a risultati piuttosto deludenti. L'algoritmo di Google premia gli annunci che siano più pertinenti indipendentemente dai soldi che si è disposti ad investire. In questo modo anche chi ha un budget più limitato, grazie alle proprie capacità ed al proprio lavoro, può promuovere il proprio prodotto o servizio. E ciò non perché Google sia generoso, ma perché per la sua stessa esistenza ha bisogno che i clic vadano agli annunci di qualità, vicini all'interesse dell'utente, piuttosto che a quelli scarsi e poco interessanti, così da fornire la migliore user experience a chi usa lo stesso motore di ricerca numero 1 al mondo.

In definitiva, perché la parola merito?

Pensaci bene: se tutto dipendesse solo da quanto si è disposti ad investire, i grossi colossi con disponibilità di capitali importanti avrebbero la strada spianata. Ecco perché, proprio al fine di dare una chance a tutti, oltre al denaro investito ci sono una serie di fattori da tenere in considerazione che, presi nella loro totalità, costituiscono il cosiddetto Ad Rank.

Pertanto Google incrocia due dati importanti e cioè l'offerta in termini economici e la qualità dell'annuncio. Per avere una buona qualità è necessario che il tuo sito sia veloce, sicuro, usabile e ottimizzato per smartphone, pertinente rispetto alle parole chiave, rispondente alle domande ed agli interessi degli utenti, interessante. 


LEGGI ANCHE: Come scrivere contenuti Seo Oriented


Al di là delle impression, ciò che interessa a te è dunque la percentuale di clic dell'annuncio (CTR) rispetto allo stesso dato ed è proprio questo il grande obiettivo da raggiungere che può essere conseguito solo col duro lavoro, oltre che grazie ad una strategia precisa ed ordinata.

Come fare a districarsi in questo campo minato? Bisogna studiare e serve tempo per comprendere tutti i meccanismi di questo strumento e le giuste combinazioni e leve che consentono di primeggiare su avversari spesso più attrezzati. Spesso, anzi, molti inserzionisti, sia individuali che aziende, non riescono ad ottenere risultati in base al capitale, spesso ingente, che viene investito. Pertanto affidarsi a professionisti esperti come a quelli del team di Seonweb, che da anni lavora in questo campo, è la migliore soluzione per fare business su Google. Non esitare a contattarci. 

Blog


Consigli, approfondimenti e curiosità sul mondo del Web Marketing.

L’incentivo intelligente per “digitalizzare” la tua impresa

Vuoi finalmente entrare nel mondo del digital marketing ma hai delle spese contingentate? Eccoti un incentivo che può fare al caso tuo.

Protempo il primo degli applicativi di Inscaenam

Scopri gli applicativi di Inscaenam. Il nuovo software che offre soluzioni digitali per le imprese dello spettacolo.

Seonweb - mettiti in contatto con noi

Mettiti in contatto con noi

Rivolgersi a dei professionisti è importante in qualsiasi settore, soprattutto sul web. Se vuoi che il tuo sito sia il tuo fiore all'occhiello, contattaci adesso per un preventivo veloce e gratuito

Richiedi un preventivo